Profilo Utente

Login non effettuato.
Calcolo dovuto IMU e TASI Anno
INSERIMENTO IMMOBILE
Comune ubicazione immobile
Identific. Catastali Sezione
Foglio
Particella
Sub.
Categoria/Destinazione d'uso
Rendita catastale
Fabbricato Storico / Inagibile
Fabbr.Rurale ad Uso Strumentale
Alloggio assegn. da IACP o immobil.coop.edil.propr.indiv.
Abitazione principale/ RSA/ Pensionati AIRE
Aliquota IMU
Aliquota TASI
Quota di possesso (%)
Mesi di possesso
Immobile in locazione/assegnato
Imposta da pagare


Elenco Immobili
Nr.
Ente
Valid.
Tipo immobile
Categ
Mesi
% pos.
Rendita
Valore
Aliq.IMU
Imp.IMU
Detr.IMU
Dovuto IMU
Aliq.TASI
Imp.TASI
Detr.TASI
Dov.TASI
Azioni
Nessun dato disponibile

Modalità pagamento:
Ravvedimento
Data pagamento:

Calcolo Importi Dovuti Anno 2017
Terreni
Aree edificabili
Abitazione principale
Altri fabbricati
Ente
Stato
Detrazione totale
Versato
Totali
Acconto
Saldo
Totale
Totale IMU+TASI
Messaggio di avvertimento

Attenzione! L'importo da pagare risulta inferiore al minimo riscuotibile stabilito nel regolamento comunale IMU, pertanto tale scadenza non è dovuta.

Messaggio di avvertimento

Attenzione! L'importo da pagare risulta inferiore al minimo riscuotibile stabilito nel regolamento comunale IMU e TASI, pertanto tale scadenza non è dovuta.

Messaggio di avvertimento

Attenzione! L'importo da pagare risulta inferiore al minimo riscuotibile stabilito nel regolamento comunale IMU, pertanto l'IMU non è dovuta.

Messaggio di avvertimento

Attenzione! L'importo da pagare risulta inferiore al minimo riscuotibile stabilito nel regolamento comunale TASI, pertanto la TASI non è dovuta.


Dettaglio per pagamento Acconto
Cod.Ente
Destin.
Tributo
Nr.Imm.
Cod.Trib.
Anno
Imposta
Sanzioni
Interessi
Dovuto scadenza
Importi da Versare
Nessun dato disponibile




Attenzione: si invita sempre alla verifica dei calcoli con l'ausilio di un professionista.Il Comune non è responsabile di eventuali danni e/o perdite di profitti causati dall'uso di Calcolo IMU che viene fornito gratuitamente così com'è. L'utente con l'ausilio dell'applicazione solleva il Comune da ogni responsabilità, implicita ed esplicita, derivante dall'uso dell'applicazione stessa.

Nota Informativa
Ricordiamo che sia per l'IMU che per la TASI, la rata in acconto per l'anno 2017 è in scadenza il 16 giugno, mentre il saldo il 18 dicembre prossimo.

Con la legge di Stabilità 2014 l'IMU non è più dovuta sulla prima casa e relative pertinenze, ad eccezione che l'immobile sia “di lusso” (categorie catastali A/1, A/8 e A/9) per il quale continua ad applicarsi l'aliquota ridotta e la sola detrazione di 200 euro. L'Imu resta invece in vigore sulle seconde case.
Sono esenti dal pagamento dell'IMU anche i seguenti immobili:
a) unità immobiliari appartenenti a coop. edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
b) fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal decreto del Ministero delle infrastrutture 22 aprile 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.146 del 24 giugno 2008;
c) casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
d) all'unico immobile posseduto, e non concesso in locazione, dal personale appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e civile, nonchè dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco;
e) i fabbricati rurali strumentali di cui all'art.13, comma 8 D.L. 201/2011;
E' rimesso ai Comuni la facoltà di introdurre ulteriori equiparazioni all'abitazione principale.

La TASI è l'imposta comunale istituita dalla legge di Stabilità 2014, riguarda i servizi comunali rivolti alla collettività. La legge 147/2013 prevede che il regolamento comunale dovrà individuare i servizi indivisibili oggetto della Tasi. Il soggetto passivo non è solo il proprietario a qualsiasi titolo dei fabbricati, ma anche l'affittuario per una parte stabilita dal Comune.
La Tasi è pagata da chi possiede o detiene a qualsiasi titolo fabbricati e aree edificabili come definiti ai sensi dell'imposta municipale propria, ad eccezione, in ogni caso, dei terreni agricoli. In caso di pluralità di possessori o di detentori, essi sono tenuti in solido all'adempimento dell'unica obbligazione tributaria. In caso di locazione finanziaria, la Tasi è dovuta dal locatario a decorrere dalla data della stipulazione alla data di riconsegna del bene al locatore, comprovata dal verbale di consegna. In caso di detenzione temporanea di durata non superiore a sei mesi nel corso dello stesso anno solare, la Tasi è dovuta soltanto dal possessore dei locali e delle aree a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e superficie.
Nel caso di locali in multiproprietà e di centri commerciali integrati, il soggetto che gestisce i servizi comuni è responsabile del versamento della Tasi.
Sono esclusi tutti gli immobili che non siano fabbricati o aree edificabili.
Il Comune con regolamento di cui all'articolo 52 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n.446, puó prevedere riduzioni ed esenzioni.
La base imponibile è quella prevista per l'applicazione dell'imposta municipale propria (Imu).


La legge di Stabilità 2016 (legge 28 dicembre 2015, n. 208 - G.U. n. 302 del 30/12/2015, S.O. n. 70) ha introdotto le seguenti novità:
- riduzione del 50% per gli immobili adibiti ad abitazione principale concessi in comodato gratuito (comma 10) tra parenti in linea retta (vedi normativa);
- riduzione del 25% per gli immobili locati a canone concordato (vedi normativa);
- la TASI non è più dovuta sulla prima casa e relative pertinenze, ad eccezione che l'immobile sia “di lusso” (categorie catastali A/1, A/8 e A/9);
Tutte le condizioni stabilite dalla normativa vigente, ai fini del riconoscimento della riduzione devono essere rispettate.
Richiesto codice PIN
Operazione in corso
Anteprima